Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Stili di vita > Giorno proprio compleanno e' quello in cui si muore di piu'

Giorno proprio compleanno e' quello in cui si muore di piu'

Accade al 14% delle persone

11 giugno, 16:56
(ANSA) - MILANO, 11 GIU - Il giorno del proprio compleanno, dopo una certa eta', puo' diventare anche il giorno in cui si muore di piu'. Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista 'Annals of epidemiology' e condotta su oltre 2 milioni di persone, il 14% circa delle persone muore il giorno del proprio compleanno.

Una circostanza che gli scienziati collegano a quella che hanno chiamato come 'l'ipotesi della reazione all'anniversario' o tristezza da compleanno, con lo stress che gioca un ruolo importante. Le cause della morte in queste circostanze includono infatti attacchi di cuore, ictus, cancro, cadute e suicidio. I ricercatori hanno analizzato i decessi di 2,4 milioni di persone lungo un arco di 40 anni. Hanno cosi' scoperto che c'e' il 13,8% in piu' di morti il giorno del compleanno rispetto ad ogni altro giorno dell'anno. Un rischio che aumenta con l'eta', e che arriva al 18% negli ultra sessantenni. A uccidere di piu' sono le malattie cardiovascolari (18,6%), come infarto e ictus (21.5%), e il cancro (10.8%). Tra gli uomini c'e' un aumento dei suicidi (34,9%) e delle morti accidentali (28.5%) nel giorno del proprio genetliaco. C'e' anche un aumento del 44% delle cadute fatali in quel giorno (44%) e nei 4 giorni che lo precedono. Due le possibili spiegazioni, secondo i ricercatori. Secondo la teoria del rinvio la gente molto malata in qualche modo resiste fino al compleanno, per provare a raggiungere quel traguardo. Ma non vi sono prove a supporto di tale idea. Per altri invece e' proprio la ricorrenza in se' a causare la morte. Nel caso di infarto e ictus ad esempio la colpa e' dello stress, soprattutto per le persone anziane. Circa l'aumento dei suicidi tra gli uomini, la ragione potrebbe stare nel maggior consumo di alcol proprio durante il compleanno o nel fare un bilancio della propria infelicita'. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA